*MODI DE DIR A MASERADA*
(modi di dire a Maserada sul Piave)


di Italo Coglievina

Affermazioni tipiche e frasi celebri rivolte dai genitori ( veneti ) ai figli durante la loro fase adolescenziale...

Bocia, gambe in spàea e caminare!
Vara che te scavesso e gambe sora i zenoci...
Vara che te cambio i conotati!
Vara che quea xè ea porta...
Mi a to età saltavo i fossi par longo!
Mi a to età jero xà stufo de lavorare
Desso ti te ve farte el libreto de laoro!
Tajate i caveji che te fe afàno!
Tajate i caveji che te ghe i peoci co a patente ormai...
Te vorìa on poca de russia a ti...
Xè mejo che te scampi co tute e gambe che te ghe...
Te poi piansare in greco, tanto no teo compro.
No sta strassinare i piè.
No sta savatàre.
No sta fare che vegna là to pare!
Omo avisà ......TUTO salvà!
Vara che te sì in oro...
Vara che te riva na man roersa!
Vara che te meto in coèjio!!!
Questa xè a casa dea asagna.... Chi che no laora no magna!
Gheto proprio ciapare esempio dai pì stupidi.......
Bon da gnente come el paltan!
Varda el trio paloma: 2 inseminii e uno in coma!
Magna e tasi!
Vergognate che xè ora!
No te te vergogni mia!!!
Dai, disi qualcosa!!!!!..
Prova parlare se te ghe corajo!!!
Ma sito inseminio!
Stame distante...
Vàrdama co te parlo!
Va via prima che te copa!
Gheto sentio queo che te go dito!!!!
Xè soeo che i criminai che sta in giro a note...
I to amissi no ga mia na fameja?
Ma mi credito che fabbrica i schei de note?
Gheto fumà ea droga?
Jèrea aranciata quea che te ghe vomità sta note?
A te me pari spirità!
Varda che luni xè un giorno lavorativo.
Va in stramona!
Varda che giro el manego dea scoa
Come che te gò fato te desfo
Varda che me cavo nà savata
Gheto bisogno de un moreto che te staga drio e chel rancura e strasse ?
Te sito petenà?
Varda che te tendo
Te pare e ore de rivare ?
Te vedarè quando che no ghè sarà più ea serva
Cò moro mì te mori dala fame
Và pian co chea moto
Vèstate che te ciapi el snaro
Cavate e scarpe prima de n'dare sù pae scae
Ancora te te cambi ?
Almanco ea roba onta butea lavare te ghè strasse dapartuto in camara
Come che te vè fora dala porta a buto un fuminante in te chea camara
N'antro paro de scarpe te te sì comprà ?
Faremo nà camara solo pae scarpe
Non stà bevare vin a stomego vodo (riferio al
spriss in bar)
Cossa veto fare in te chel bar pien de onti semrpe coa cica in boca?
Te pari bon ala to età farte vèdare là da tuti quei che me conosse....
Co te passi là davanti te senti sempre nà spussa..ma cossa fùmei?
Cò chee quatro sbuderate coj fioi all'asìo e ore in bar co goto da nà parte e cica da staltra
Co vien casa to pare gheo digo
Non xè miga ora che te vaghi lavorare?
Sbassa chea teevision senò fasso dò tochi
A gò un fiolo solo e anca ebete!!!

A Spresian, i copa l can;

a Visnadel, i ghe fa la pel;

a Lovadina, i lo cusina;

a Maserada, i fa na teciada;

a Candelù, i lo raspa su;

a Breda......i lo chega!

A Spresiano, ammazzano il cane;
a Visnadello, lo spellano;

a Lovadina; lo cuociono;

a Maserada, fan pieno il tegame;

a Candelù raccolgono;

a Breda ........lo c....o!


Lège venesiana,

dura na setimana;

lège visentina,

dura da la sera a la matina;

lège de Veròna,

dura na tèerza a nona.

Brèsa pòl e no vòl,

Verona vòl e no pol,

Vincènsa pòl e vòl

Pàdoa nè pòl nè vòl.

Pantalòn paga per tuti!

Prima Venesiani e po cristiani.

La legge veneziana,

dura una settimana;

la legge vicentina

dura dalla sera alla mattina

la legge di Verona,

dura dall'ora terza alla nona:

Brescia può e non vuole,

Verona vuole e non può,

Vicenza può e vuole,

Padova nè può nè vuole.

Pantalone paga per tutti!

Prima Veneziani e poi cristiani.


Venesiani gran signori,

Padovani gran dotori,

Visentini magna gatti,

Veronesi....tuti mati,

Udinesi castelani

co l cognòme de "Furlani",

Trevisani pan e tripe,

Rovigòti baco e pipe,

i Cremaschi fa coioni,

i Bresàn, tàia cantoni:

ghe n è ancora de pì tristi....

Bergamaschi brusacristi!

E Belun ? Pòreo Belun,

te sè proprio de nisun!

Veneziani gran signori

Padovani gran dottori,

Vicentini mangia gatti,

Veronesi tutti matti,

Udinesi castellani,

col cognome di Friulani,

Trevigiani pan e trippe,

Rovigotti vino e fumo,

i Cremaschi sciocchi,

i Bresciani infidi:

e ce ne sono di peggio....

i Bergamaschi senza....Dio!

E Belluno? Povero Belluno,

sei proprio di nessuno!


Sti tosatei fa un baito da mati.

El me par un gheto de venessia.

El me par un babau co tuta chea caveada in tea testa.

Ea xe furba fà na bolpe, nissun ghea fa a imbroiarla.

El ga na testa come un baciro.

No darghe bado, el parla perchè el ga a boca.

Soto el fogher gera pien de bacoli, parea scarpanse.

E suche vode e sta sora acqua.

Daghe la badila, altro che farlo studiar.

I ga finio de far bagolo soto el belcon, ghe go sartà el bocal in testa.

El sta de bando tutto el dì e el va su e zo par i cavini coea mesora in man.

El piovan el batizava i putei tra santoli e comare.

No me barato co uno de vintiani, son sveio fa on saltarel drio na siesa.

Basta esar mona par esar superbo.



Bati bati le manine
che ' rivarà papà
co tante bèe pastine
e la cèa le magnarà!


Chi camìna a testa alta,
presto o tardi el se rabàlta


Xe ai siori che se ghe fa i
sconti, no a quei che
dorme soto i ponti


Coragio, chè el mal el xe
de passagio e presto
arriva magio


Stasera magnèmo gnochi
al radicio co ragù de
conicio


El vin de la to cantina xe
la mèjo medeçina


Sèmo tanto informatizài
ma poco e mal informài


Vegnèr a star viçin al posto
de lavoro par mi sarìa
tanto oro


E co ' sta bèa farina
prepararò la fugassa
pasqualina


Sèmo in man de zente
che no ga mai aministrà
gnente


Sangue dal naso come ' na
fontana? La bèa stagiòn
non la xe lontana!


Chi xe stà batezà co
l'acqua del fosso, ga ' na
gran spussa sempre
indosso


Anca li siori li ga i so
dolori


Essar bei xe mèjo che
gavèr tanti schèi


Co xe ciara la montagna,
magna, bevi e và in campagna ; co xe ciara
la marina, magna, bevi ma
resta in cuçina


Prima e dopo na magnàda,
ghe vorìa ' na caminada


Quando i osèi canta de
prima matina, la primavera
la xe viçina

Tanto desideràda la primavera xe 'rivada


Butàr via la neve, batàr
le nose e copàr la xente,
xe tre lavòri fati par
gnente

Un parente el xe morto
par gnente se no ' l te ga
lassà gnanca na s-cianta
de eredità

 

No se trova pì operài
gnanca a morir. Dove
xe-li andài a finir?


Se te frequenti sempre
la stessa zénte, de tanti
afàri no te savarà mai
gnénte.


Co' go da 'ndàr in giro
par i uffici, prima fasso
el pieno de calmanti.



Na volta, se te te fasèvi
védar sempre a la messa
cantada, la to elessiòn la
jera squasi assicurada

Li xe deventai siòri
perchè intanto che
chéaltri se la spassava,
lòri inveçe li lavorava.


Tante volte vien dispressà
proprio quélo che vede
pì in là


El te darà indrìo la to roba
la setimana dei tre ziòba


Chi paga prima vien servìo
dopo


El nostro paròn el ne
insegna che bisogna far
sempre scena

 

Xe méjo suàr che tòssar


Chi vol vìvar in paese,
"scolta varda e tase"


"Tanta abbondanza poca
creanza"


Co sola acqua e pan
magna mal anca el can


Articolo quinto: chi ga i
schéi ga sempre vinto


Chi ga lavorà va subito
pagà


Chi vol vìvar e star ben
ciapa le robe come le vien


L'erba catìva non la
mòre mai e la te infesta tuti i prài


Se te ga la casa piena
de formìghe, presto te
vedarà premiàe tute
le to fadìghe


Chi paga anticipato
gavarà un lavoro mal
fato


L'amor non xe polenta


Chi se sposa per far fortuna, el xè più tondo, de la luna.

Chi ga tempo e tempo aspeta, non fa mai cosa perfeta

Chi parla poco e de raro, a tuti el xe caro

Chi vol pescar del bon pese, bisogna che ' l se bagna le braghesse

Chi ga paura dell'onda che l'se tegna visin la sponda
Drio la carne salada, ghe vol na bea trincada

Veciaja, debiti e morte, no i bate mai e porte

Chi non fa la goba, no'l fa gnanca la roba

Cò le disgrazie scomenzia su, non le te lassa più

Chi non ga su l'amo l'esca, xe inutile che ' l pesca.
La barca che non ga timon, no la pol aver gnanca ' na direzion

AVANTI
INDIETRO
PAGINA PRINCIPALE