Festa dea mama

Mi me sento fortuná no so' perché
De "Mame"ghe no'avú tre:
la "Ana" la me ga dato la vita,
la "Angelina' la me ga alatá,
la "Maria"Mama celeste che
la me ga adotá.
A tute tre ghe son grato,
par tuto quelo che le me ga dato;
i boni consigli, e l'insegnamento
sempre validi in ogni tempo.
E fra al sogno, e la realtà,
me par ancora de sentir
la nina nana che la me ga cantá ;
e prima de dormir quea so'man leziera,
che me caressa ogni sera.
Nel ricordo te rivedo ancora
soridente su la porta de casa
a slongar i brassi par abrassarme;
perché podesse bever da novo
quea nova linfa de vita
che me deterge, e purifica,
"Mama"prima parola che go pronunziá
e ultima che disaró prima de morir.

AVANTI

PAGINA PRINCIPALE