"IL SOGNO INFRANTO"
DEDICATO A STEFANIA

06/08/2016 Maserada sul Piave


Nella foto l'artista Federico Livan con la sua opera pittorica "Il Sogno Infranto" dedicata a Stefania Bolzan e donata al marito Marco Coglievina

Il Sogno Infranto
Nella mattina del 6 maggio 2016 a Maserada sul Piave Stefania Bolzan dorme nel suo letto, accanto al marito Marco Coglievina, che cerca di svegliarla…ma non si risveglierà più… inspiegabilmente il suo cuore si ferma…Stefania dormirà per sempre, lasciando attoniti e distrutti tutti coloro che l’amavano. Oggi 6 agosto 2016 sono già trascorsi tre mesi da quella tragica mattina …tre dolorosi mesi dalla scomparsa di Stefania Bolzan , dipendente del supermercato Prix di Spresiano.
L’artista spresianese Federico Livan rende omaggio alla sua memoria, donando al marito Marco Coglievina, un’opera pittorica, dedicata alla sua giovane moglie, dal titolo “ Il Sogno Infranto”. Le Famiglie Coglievina e Bolzan sono grate all’artista, nuovo e raro amico, per la sua straordinaria sensibilità e per il suo generoso gesto. Un bel gesto di solidarietà, un sentimento quasi d’altri tempi, da prendere come esempio, questo di Federico Livan che racconta: << In quei giorni stavo gestendo una mia personale mostra di pittura nel centro commerciale Plavis di Spresiano. Quel giorno rimasi sconcertato quando appresi la notizia della scomparsa di Stefania, non riuscivo a capacitarmi…. Come cliente del supermercato Prix la conoscevo bene. Stefania era una ragazza seria, gentile e riservata: si vedeva subito che faceva il suo lavoro con professionalità e dedizione. In poche parole era una persona a posto, che amava il proprio lavoro, una persona onesta che aveva voglia di vivere e aveva rispetto del prossimo. Ho la sensazione che oggi Stefania sarebbe ancora accanto al marito Marco, se il mondo che le girava intorno fosse stato più umano. Dalla conoscenza dei suoi familiari ho percepito che Lei era di una sensibilità non da poco…e Stefania era stata ferita nell’anima, proprio dove lavorava…il lavoro che per Lei era molto importante, che sin da piccola aveva svolto con impegno, perché le aveva permesso di essere autonoma e di realizzare molti suoi sogni…e che le aveva rubato la serenità…e forse la vita. La vita di tutti noi, unica e irripetibile, che Stefania aveva sempre vissuto, superando con grinta qualunque difficoltà avesse davanti….ma non quest’ultima che l’aveva colpita profondamente. Viviamo in una società complessa, talvolta cinica e spietata, dove faticosamente trovano risposte o posto le persone sensibili o fragili. A me pare che oggi il gioco ”Tutti contro tutti” sia diventato uno stile di vita. Un gioco che ha fatto una nuova vittima: Stefania. Era di domenica quando cominciai l’opera. La tela di grande formato, due metri per un metro, mi stava di fronte: il suo bianco abbagliante e ipnotico cercava di smarrirmi…Lo sanno bene gli artisti di cosa sto parlando…Un’astrazione te la devi creare in testa: non hai alcun soggetto di fronte. Dovevo “spremermi”, come si suol dire, per creare qualcosa a tema… in questo caso per Stefania. Volevo mostrare a modo mio, con i colori, quello che Lei desiderava, sognava e amava. E’ stata sofferta questa mia opera; non riuscivo a finirla perché volevo darle sempre più forza …dare senso al “Viaggio” che stavo dipingendo. “Un Viaggio” stavo creando! In certe pause di riflessione chiedevo aiuto fisico e mentale a Stefania. Mi lasciavo andare nella composizione come se il mio Io rifiutasse la realtà e diventasse uno spirito libero in balia del destino. “Il Sogno Infranto” era finalmente terminato e aveva riconquistato la realtà. Ora è a dimora nell’abitazione dove Stefania ha vissuto con il marito Marco. Marco mi ha confidato che Stefania desiderava un quadro nel salotto di casa… Ora è là e Lei da lassù lo sta guardando…Io non credo che la morte ci separi per sempre, siamo uniti alle persone amate che abbiamo perso da un filo sottile che è il ricordo. Questo è il vero Amore, il faro che illumina la nostra vita. “Il Sogno Infranto” è stato per me un viaggio mentale…durante la composizione ho avuto la sensazione di aver viaggiato con qualcuno. Forse, da grande sognatore, sono entrato in un bel sogno…
Uno dei migliori della mia vita!>>.

UN BATTITO D'ALI E UN ANGELO E' VOLATO IN CIELO
06/05/2016 Maserada sul Piave


05/06/2016 Maserada sul Piave - Oggi in redazione ci è venuto a trovare il Pittore Espressionista Astratto Federico Livan,
presentandoci la sua opera, un tunnel di colori al "Sogno infranto di Stefania che non è più tra noi, ma ora vive nello spazio".




-Giovedi 12 Maggio 2016 alle 19,30 Ricorderemo Stefania nella Preghiera del Santo Rosario nella Chiesa principale San Giorgio di Maserada s.P.

-Venerdi 13 Maggio 2016 alle ore 16,00 Saluteremo per il suo ultimo viaggio Stefania Bolzan nella Chiesa principale San Giorgio di Maserada s.P.


Le famiglie Bolzan e Coglievina XXX ringraziano tutti coloro
che hanno dato l'estremo saluto alla cara Stefania


Articolo dal quotidiano La Tribuna di Treviso






Per conoscere Stefania Bolzan e i suoi amori, una sequenza di foto tratte
dal suo profilo di facebook, fermatosi al 6 Maggio 2016
Ciao Stefy

PAGINA INIZIALE

Copyright © 2000-2016 Italok S.r.l
Tutti i diritti riservati - www.maserada.com -