Dal quotidiano "la Tribuna" di Treviso del 26 Ottobre 2011

TRA IL SERIO E IL FACETO A MASERADA
Notte bianca aspettando l’arrivo degli Ufo

MASERADA
Ci sarà una “Notte bianca” a caccia di Ufo e strane presenze, la sera del prossimo 11 novembre, 11-11-’11, nell’oscurità del Parabae divenuto negli ultimi mesi la terra del mistero. Una data, questa, indicata dalla scritta composta con legnetti e sassi che nel pomeriggio dello scorso 31 agosto è stata misteriosamente scoperta al Parabae, nell’area che rientra nel Quadrilatero dove da mesi si registrano fenomeni definiti inspiegabili da molti. A lanciare la proposta della “Notte bianca” è Italo Coglievina dalle pagine del suo sito www.maserada.com, dove sono riportati tutti gli avvistamenti di Ufo o comunque oggetti misteriosi nella zona del Quadrilatero, oltre che altri strani fenomeni legati al paranormale.
E’ lo stesso Coglievina che sul web racconta di aver fatto analizzare da un laboratorio i legnetti ritrovati al Parabae. Su uno dei legnetti sarebbe apparso – secondo quanto riportato da maserada.com – uno strano simbolo, simile ad una stella con molte punte. “Che sia un segnale?” si domanda Coglievina, alimentando il mistero sull’area del Parabae. L’idea è dunque quella di puntare le webcam ad infrarossi nella notte del prossimo 11 novembre sul Quadrilatero, mandando poi in onda via internet le immagini. Intanto il web ed il paese si interrogano sui fenomeni al Parabae: verità o burla? Dopo gli episodi registrati negli scorsi anni, gli eventi negli ultimi mesi si sono susseguiti con una certa frequenza. All’alba di Ferragosto una webcam aveva immortalato alcune luci blu nel cielo, nei pressi del campanile. Il giorno successivo, una telecamera aveva visto “danzare” alcune sfere luminose – sorta di fuochi fatui – all’interno di un giardino. Poi il ritrovamento al Parabae dei bastoncini con la scritta “XI.XI.XI.”, che è stata interpretata come l’indicazione di una data (qualche appassionato di Ufo ipotizza che quella notte possa avvenire un incontro ravvicinato). E ancora il disturbo radio su quasi tutta la frequenza che blocca i segnali ad onde corte, i fulmini che colpiscono con particolare intensità. In attesa della “Notte bianca”, il mistero si infittisce.
Rubina Bon

PAGINA INIZIALE

Copyright © 2000-2011 Italok S.r.l
Tutti i diritti riservati