*VECI PROVERBI SEMPRE VAIDI*
(vecchi proverbi sempre validi)
di Italo Coglievina


Nella figura viene rappresentato il momento del "filò" nelle lunghe sere di inverno nelle campagne Maseradesi

"El filò" nella campagna Maseradese - Anni 1930 -
Con la fine dell'autunno, le contrade e le corti cominciavano a vivere una vita di gruppo più intensa, perché il lavoro assumeva un ritmo diverso da quello delle stagioni produttive (primavera - estate). Nel cuore dell'inverno, la stalla diventa il centro della vita sociale e familiare, perché le case erano umide e fredde e la legna scarseggiava. Così, al primo freddo novembrino, le famiglie di una contrada o di una corte, come i contadini del paese, si riunivano nella propria stalla o in quella del vicino e vi restavano fino a un'ora "da cristiani", al caldo degli animali, sotto la luce di una lucerna a petrolio: era il filò. Durante il filò si parlava dei più e dei meno, ma esso aveva una fisionomia ben precisa, una ritualità e una sua importanza economica. Le donne si dedicavano al rammendo, a far calze, scarpette e, soprattutto a filare. La dote, sacrosanta, era messa insieme dalle ragazze durante il filò, magari sotto gli occhi attenti del moroso che misurava la bravura della futura sposa.
Le madri erano attente custodi che tra le figliole e i ragazzi non ci fossero eccessive confidenze. Anche le parole o le espressioni grasse dovevano essere evitate. In questo aspetto si deve riconoscere l'insegnamento della Chiesa che vedeva con preoccupazione morale la promiscuità dei filò. Gli uomini si dedicavano alla riparazione delle "arte", gli arnesi da lavoro. I "zoghi dei filó" erano un passatempo ricercato dai giovani che, talvolta, rappresentava un premio e un timoroso approccio tra ragazzi e ragazze con la scusa della penitenza.
La penitenza poteva essere un bacio alla "vecia Maria", uscire nella neve, baciare la coda di una vacca e, raramente per la verità, fare una carezza a qualche "butela"!
Ma il momento magico dei filò, che passava dalla povertà quotidiana allo splendore della creazione fantastica, scaturiva dai racconti dei "contafole", detti anche "poeti". La trama delle loro "fole' ripete schemi e argomenti noti in tutto il mondo, ma l'importanza della favola veneta deriva da un intrinseco valore, dovuto all'uso del dialetto, al riflesso che in essa troviamo di una società oggi scomparsa. C'erano poi le "fole de ciesa", ad argomento religioso, capaci di suscitare nei ragazzi motivi di educazione morale. Così il filò si trasformava in una scuola senza banchi, dove i ragazzi apprendevano dagli anziani il modo di pensare e di comportarsi, secondo l'esperienza.
L'esperienza "dei veci" era l'unico libro aperto: alla scrittura, i contadini sostituivano la parola.


MESI
PROVERBI VENETI
GENNAIO
L' Epifania tute le feste scova via, ma quel mato de Carneval, tute quante le fa tornar.

La neve de genaio par a tera xe un bon tabaro.

L' Epifania tute e feste porta via.

Se par i tre Re l'inverno non xe vegnuo, no 'l vien pi.

L' Epifania tute e feste scova via, le se sera in una cassa che no a se verse fin a Pasqua

Fredo secco de zenaro, sachi pieni nel granaro.
Ma non dargheo ai parenti, nè ai ministri competenti

Sant' Antonio da la barba bianca, se non nevega poco ghe manca.

Sant' Antonio abate - el saco in spala e man al badil

San Fabian con la viola in man

Sant' Agnese el fredo pasa le sfese

A Santa Agnese el fredo va su le siese; se le siese no xe fate, el va su par le culate.

San Vincenzo gran fredura, San Lorenzo gran calura: l' un e L' altro poco dura

San Tissian dal fredo ghe casca i denti al can.

El mandorlo el staga ben atento, che se el fiorise in genaio, poca roba va nel cester

Un bon genaro? Se vendica febraro.

Chi vol un bon aio lo devi impiantar a genaio.

A gennaio tutti i gatti va in gataro.

L'Epifania tute le feste scova via.

Gennaio ovaio.

No desmentegar che al mese de gennaro, vive ben chi ga el frumento nel granaro.

San Paolo de e candee non me curo, perchè par San Paolo no fa pi scuro

Genaio senza neve, venti forti in primavera

La polvere de genaio impenise el granaio

Non ghe xe galina o galinasa che de genaio ovi no fasa
FEBBRAIO

Se l'è fredo anca a Febraro, e gaine e sta in punaro Candelora Candelora massa volpighe xe fora

Se la çeriola (Candelora) xe solariola, da l'inverno semo fora; se piove o tira vento, de l'inverno semo ancora drento.
San Biasio da la barba bianca, se no piove a neve non manca.

San Biasio sòra la gola.

A San Valentin el giasso nol tièn gnanca un gardelin.

A San Valentin la spagna ga el butìn.

A San Valentin se verze l'ortesin.
A San Vaentin fiorisse el spin.....move la coda el pesciolin!

Per San Valentin, la primavera xe in camin!

Primavera de febraro non inpinissi el granaro.

Febraieto scortega l'asino e copa el capreto.

Xe corto febraro: meso dolce meso amaro.
MARZO

Marso mato e baerin, piova vento e gran casin. Tanti i dise che sia nati proprio a marso i sindacati.

Marso ventoso, april temperado, beato el contadin che el gà semenà.

A marso ogni mato va descalso.
Marzo, marziòl, buta fora l'erba par el me bestiol

Fora marzo, chè april xe qua, fora l'erba da 'sti prà

Se de marzo le note tòna, la vendéma sarà bona

Marzo ventoso, frutteto maestoso

Marzo ventisá, april temperá, contadin fortuná

Luna calánte marzolína, fa nasser l'insalata.

Fine marzo, primo de april, ancora el fredo pol vegner.

No xe marzo bel, senza neve sul capel.

Neve marzarola dura quanto la pase tra suocera e gnora.

Có xe marzo troppo sgaio, porta l'ombrela sotto scaio.
APRILE

Riva april coi fiori, coi poeti e i cantautori. Tuti i scrive e tuti i sona, semo un popeo de mona......

In april la prima tonisada sveia el bosco e la vecia indormensada.

Aprile piovoso ano frutuoso.

Aprìl, aprileto, ogni dì un raméto.

In april ogni josa un baril

In april el ventesel el ga da vegner.

April fredolin, molto pan e poco vin.

Per tutto april no te allegerir.

April sparagaio, majo seriesaio

Chi in april pota la vigna, la vendemmia ghe sará matrigna

Aprile infiora e majo se ne onora
MAGGIO

Majo mese maedeto, despoiarse pian pianeto. Che a spenarne per intero, el ghe pensa el Ministero.
Se majo xe tuto vento, sarà pi paja che frumento.
Majo silegià, grano e fruti a bon marcà.
Majo umido impoverìse, majo seco non arichìse.

Majo tuto vènto, più paja che fròmento

Majo con jorni suti, miel e frumento per tuti
GIUGNO

Riva giugno col formento, spighe d'oro e schei d'argento.
Dove meterli 'sto ano? i pol star soto el divano

In giugno e femene e se leva a maja e, contente, e se mete la vestaia.
Giugno gà tesori in pugno: racolti e promosioni, nosse e delusioni.
Con giugno tonisante el racolto xe abondante.

A S.Vito le serese ga el marìo. (15 giugno)

Nel mese de giugno la seresa xe in pugno
LUGLIO

Taca in lujo el spolveron, va in vacanza a nasion. Passa el mese da cristiani, stando a casa, soeo i cani.

Se piove tra luglio e agosto, piove miel, oio e mosto.

La piova de Sant' Ana xe na mana. (26 Luglio)

Se no i scota lujo e agosto, scarso e garbo sará el mosto

Quando il lujo xe molto caldo, bevi molto e tiente saldo
AGOSTO

A la Madona de agosto se rinfresca el bosco.(15 Agosto)

Chi magna xa l'uva in agosto, no riva a ottobre a bevar el mosto

Col sol de agosto el graspo fa bon mosto

Chi zapa la vigna de agosto, impinisse la caneva de mosto

Per la Madonna de agosto se rinfresca mar e bosco.

De agosto cura la cusina, de settembre la cantina.

L'acqua del 24 agosto rovina oio e mosto.
SETTEMBRE

Aria fresca settembrina, a la sera e la matina. Stemo freschi tuti quanti: torna a Roma i Governanti

Se setembre xe stà solarolo, otobre el sarà fungarolo.

A setembre piova e luna, xe dei funghi la fortuna.
Braghe, tela e mèloni a setembre ni i xe pi boni.
Chi ara el campo a setembre, el fa un bel solco e poco spende.
El 29 settembre: se i angeli i se bagna le ale, piove fin a Nadal.

A la luna de setembre, l' ua e il figo pende.

Un setembre caldo e suto, fa maturar ogni fruto.

De setembre e de agosto bevi el vin vecio e lassa star el mosto.

Aria setembrina : fresca de sera e de matina.

Equinozio de setembre la notte al giorno contende.

L'ua setembrina, xe fragola zuccherina.
OTTOBRE
Con otobre a San Simon, de ogni gaeo i fa un capon, e col resto dele bale, i fa su un telegiornale
Otobre domanda funghi, castagne e ghiande.
In otobre: In cantina da a sera a matina.

Da otobre el vin nè è doghe.

Ottobre xe quasi mato, ma nisun ghe fa el ritratto.

(4 Ottobre) Per S. Francesco parte el caldo e torna el fresco.

Otobre xe bel, ma tien pronto l'ombrel.

Otobre piovoso, campo prosperoso.

Otobre o bel piovoso, vin e cantina: da sera a matina
NOVEMBRE
Per i morti e per i santi se se veste pì pesanti. Gh'è che porta, anzi, de sera e mudande de lana vera.

Per tuti i Santi tabàro e guanti. (1 Novembre)

In novembre se piove e tuona, l'annata sará bona.

Novembre imbacucá? Tutto raccolto e sa seminá.
DICEMBRE
Semenar dicembrin, val manco de un sisin. Chi che semena d'inverno, l'è sto mona del governo
Dicembre con rugiade, inverno con do spade.

Dicembre balerin, ciama in aiuto el vin.

Dicembre variante, fredo costante.

A Santa Lussia el fredo crussia.

Dicembre nevoso, anno frutuoso.

AVANTI
PAGINA INIZIALE

Copyright © 2000-2014 Italok S.r.l
Tutti i diritti riservati - www.maserada.com -